Definizione della categoria L'esperto risponde

In questa sezione potrai inserire tutti i quesiti di carattere giuridico, informativo o legati alle attività di formazione ai quali riceverai rapida risposta.

In ogni caso, per ulteriori quesiti di carattere tecnico e gestionale potrai fare riferimento alla Segreteria a formazione@omniavis.com e per emergenze al 328 94 94 901.

Grazie per la fiducia

1 Mi Piace

delibera ptfp variazione marzo _ Allegato B.pdf (134,9 KB)
Salve, vorrei chiedere gentilmente info su come leggere il cronoprogramma delle assunzioni del personale in allegato. Secondo lo schema allegato come faccio a capire se nell’ anno 2022 sono previste altre assunzioni di personale di collaboratore amministrativo B3? Grazie mille
Cordiali Saluti

Buongiorno,

avrei bisogno di un chiarimento in merito ad una lezione del corso di contabilità del pacchetto Full Emilia Romagna (profilo dirigenti) . In merito alla prima lezione avrei un dubbio.

La slide n.53 analizza l’articolo 22 della legge 196/2009 .Leggendo l’articolo in questione il ciclo così si struttura:

  • entro il 31 maggio, dopo la presentazione del DEF alle Camere, il presidente del consiglio con DPCM definisce gli obiettivi di spesa per ogni ministero;

  • entro il 1 marzo, dopo l’approvazione della legge di bilancio, ogni ministero con appositi accordi stipulati con il MEF individua le modalità e i termini per il monitoraggio della spesa.

Esempio:

-10 aprile 2021 il governo presenta alle camere il DEF

-31 maggio 2021 con DPCM vengono individuati gli obiettivi di spesa per ciascun ministero che poi verranno traslati nel disegno di legge di bilancio

-31 dicembre 2021 viene approvata la legge di bilancio per l’anno finanziario 2022

-1 marzo il MEF con accordo con ogni ministero individua i modi per monitorare il raggiungimento degli obiettivi di spesa che erano stati definiti con il DPCM di cui sopra il 31 maggio 2021.

Vorrei sapere se è corretta la mia lettura dell’articolo 22 bis?

Grazie.

Salve, vorrei chiedere un parere su aspetti di urbanistica normativi che dovrebbero regolare le attività di autolavaggio nelle zone residenziali. Nel dettaglio


, come si vede dalle foto allegate vivo ad una distanza di1/2 metri da un’attività di autolavaggio “a mano”, per capirci sono quelle attività
composte da una saracinesca che vengono definite a mano ma in realtà nel mio caso usano delle pompe incredibilmente potenti ininterrottamente in orario 7-20. Ora vorrei capire come vengono accatastate queste attività e se siano compatibili con zone residenziali della periferia di Roma (nel caso posso specificare senza problemi i rispettivi indirizzi). Purtroppo ad oggi la polizia tramite mail mi ha semplicemente comunicato che l’attività possiede una SCIA, ma non hanno mai eseguiti ulteriori controlli. Mi consigliate cosa posso fare per risolvere questo per me enorme problema? Grazie anticipatamente per qualsiasi consiglio possiate darmi. Cordiali Saluti.

Se hai il nome della ditta (se hanno presentato una Scia è una azienda) potresti cominciare dalla visura camerale (puoi recarti in Camera di Commercio o chiedere una visura on line… chiaramente si pagano i diritti di segreteria) . Poi fai una pec/mail o raccomandata a Comune, Provincia e Arpa per chiedere se sono in possesso di AUA (autorizzazione unica ambientale) e documentazione di impatto acustico. Devi motivare la richiesta ai sensi della L. 241/1990 in quanto confinante “disturbato” dall’attività. L’Aua dovrebbero averla perchè la domanda è: dove vanno a finire le acque del lavaggio? Ad intasare i tombini ? E poi ci sarà un regolamento per la disciplina delle attività rumorose (controlla il sito della città) e per questo scrivi a Vigili e Ufficio Ambiente. In questi casi bisogna scrivere, scrivere, scrivere e continuare a scrivere a tutti gli enti coinvolti.

1 Mi Piace